Benvenuti nel 2050: per non spaventarci del Futuro.

Cristina Pozzi – Benvenuti nel 2050 – Cambiamenti, criticità, curiosità.

Indipendentemente dalla strada che ci condurrà alla meta – un evento singolare in grado di trasformare tutto in un solo istante, piuttosto che un cambiamento non troppo differente da quelli che hanno segnato passaggi d’epoca nel passato –, il mondo che ci accoglierà nel 2050 sarà un luogo molto diverso da oggi, e senza una guida adeguata il rischio di perderci appare elevato. E non illudiamoci che sia possibile continuare a non pensarci: il futuro, con le sue straordinarie novità, le esperienze inattese, l’estrema complessità, le opportunità e le minacce che porta con sé, richiede di arrivarci attrezzati. Se dunque vogliamo scoprire almeno qualcosa di ciò che ci aspetta, questo è il libro giusto per farlo, evitando di lasciarci trasportare dal tempo. A quale clima dobbiamo prepararci e che cosa portare con noi? Che cosa si mangerà nel 2050? Come ci si vestirà? In che tipo di città vivranno le persone? Dove andranno a divertirsi i giovani? Quali saranno le esperienze da non perdere? Quali le lingue, le monete, le cure? Come sarà fare shopping e con quali mezzi ci sposteremo? In un pianeta abitato da robot, cyborg e specie animali che si credevano estinte, ogni aspetto sarà molto distante dalle nostre attuali abitudini ma le indicazioni contenute in queste pagine saranno di grande aiuto per tutti, viaggiatori abituali del futuro o
neofiti della materia in procinto di affrontare il loro primo viaggio.

 

 

Il potere della Musica

LA MUSICA E LA MUSICOTERAPIA (MT):
DEVONO ESSERE UTILIZZATE IN PSICOGERIATRIA?

Nel 2001, l’American Academy of Neurology segnalò l’importanza della MT come tecnica per migliorare le attività funzionali e ridurre i disturbi del comportamento nel malato affetto da demenza nelle sue diverse forme; si parla di terapia complementare. La procedura è stata scarsamente applicata nei vari setting dove si trovano gli anziani con declino cognitivo nonostante l’ampia letteratura sull’argomento. La World Federation of Music Therapy – ha stabilito che della musica si possono sfruttare a scopo terapeutico alcune sue specifiche caratteristiche come il suono, il ritmo, la melodia e l’armonia. Gli effetti positivi dell’ascoltare musica gradita e soprattutto della musicoterapia si osservano su comportamento, cognitività e psicologia della persona. È questa l’occasione… continua a leggere

 

 

Dal 2017 al 2021

Dal 2017 al 2021 numerose partecipazioni a convegni, incontri di formazione, seminari, lezioni universitarie, con progetti di ricerca insieme a professionisti della cura della fragilità.

 

Ripercorriamo questi anni con una breve galleria fotografica

 

 

GALLERIA VIDEO

   

PROGETTO LIBERA LA MENTE

 

GUARDA IL VIDEO

   

DI LUNEDI' CI VEDIAMO AL CAFFE'

 

GUARDA IL VIDEO

 

Desiderio, anima del progetto

 

GUARDA IL VIDEO